Daldoss muove la terza dimensione

  • it

WHISTLEBLOWING

Il presente link https://ourwhistleblowing.it/daldoss-elevetronic-spa dà accesso alla piattaforma digitale che permette di effettuare Segnalazioni ai sensi del D.Lgs. 24/2023, volto alla protezione delle persone che segnalano di violazioni di norme nazionali o dell’Unione Europea da parte dei dipendenti o di altri soggetti che hanno rapporti con Daldoss Elevetronic S.p.A.

Si raccomanda l’utilizzo del canale della piattaforma per l’invio di Segnalazioni, in ogni caso, qualora il Segnalante scegliesse mezzi alternativi, per l’applicazione delle relative tutele, dovrà essere specificata nella Segnalazione la volontà di mantenere riservata la propria identità, con espresso richiamo alla citata normativa (D.Lgs. 24/2023, Norma Whistleblowing, o altri chiari riferimenti).

Sotto l’aspetto pratico, le segnalazioni avvengono tramite procedura guidata della piattaforma, mentre di seguito si danno le principali informazioni relative alla richiamata normativa.

1. CHI PUÒ EFFETTUARE LA SEGNALAZIONE
Sono legittimati ad effettuare la Segnalazione, con riferimento al Daldoss Elevetronic S.p.A. e a soggetti legati da rapporti contrattuali con la stessa:
– titolari di quote o azioni, e persone con ruoli, anche di fatto, di amministrazione, direzione controllo, vigilanza o rappresentanza;
– lavoratori subordinati, volontari e tirocinanti, retribuiti e non retribuiti;
– lavoratori autonomi (inclusi professionisti consulenti) e collaboratori.
La Segnalazione può essere fatta quanto il rapporto giuridico con Daldoss Elevetronic è in corso, quando non è ancora iniziato (se le informazioni sulla violazione sono state acquisite in fase di selezione/precontrattuale) e quanto è concluso (se le informazioni sulla violazione sono state acquisite prima della conclusione).

2. QUALI COMPORTAMENTI POSSONO ESSERE SEGNALATI

Possono essere oggetto di Segnalazioni circostanze di cui il Segnalante sia venuto a conoscenza nel Contesto Lavorativo e riguardanti:
– illeciti amministrativi, contabili, civili o penali secondo la normativa nazionale;
– illeciti rilevanti ai sensi della normativa sulla responsabilità amministrativa deli Enti ex D.Lgs. 231/2001 (cd. reati presupposto) 8 giugno 2001, n. 231);
– violazione norme e atti dell’Unione Europea consistenti in:
illeciti rilevanti ai sensi della normativa dell’Unione Europea riguardanti, tra l’altro, i seguenti settori: servizi, prodotti e mercati finanziari; prevenzione del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo; protezione dei dati personali; sicurezza delle reti e dei sistemi informativi;
– atti o omissioni che ledono gli interessi finanziari dell’Unione Europea;
– atti o omissioni riguardanti il mercato interno, incluse quelle relative a concorrenza, aiuti di Stato e alla normativa in materia fiscale;
– gli atti o comportamenti che vanificano l’oggetto o la finalità delle disposizioni negli ambiti sopra riportati.
Le violazioni segnalate non devono essere necessariamente già commesse, potendo le Segnalazioni riguardare anche concrete situazioni di rischio/in divenire, purché supportate da elementi precisi e concordanti.
Le informazioni devono essere veritiere. Non si considerano pertinenti le semplici supposizioni o notizie di pubblico dominio. Mentre assumono rilevanza fondati sospetti.
Le Segnalazioni anonime, ove circostanziate, sono regolarmente gestite, con ogni relativa tutela del Segnalante qualora successivamente identificato.
Le Segnalazioni non devono riguardare contestazioni, rivendicazioni o richieste legate a un interesse di carattere personale del Segnalante, incluso quanto relativo al rapporto di lavoro di quest’ultimo.

3. CARATTERISTICHE DELLA SEGNALAZIONE

La Segnalazione deve contenere tutti le informazioni utili che consentano al Responsabile della Gestione delle Segnalazioni di accertare la fondatezza di quanto segnalato e di attivare pertanto la relativa istruttoria. È quindi opportuno che il Segnalante alleghi documenti che possano riscontrare la segnalazione e il riferimento ad altre persone che possano fornire ulteriori informazioni o corroborare il contenuto della Segnalazione.

In particolare, la Segnalazione deve riportare in modo chiaro le seguenti informazioni:
– le circostanze di tempo e di luogo in cui si è verificato il fatto oggetto della segnalazione;
– la descrizione del fatto;
– il nome e il cognome, oppure ogni altra informazione utile a identificare l’autore del fatto;
– le generalità di eventuali altri soggetti coinvolti o che possono riferire sul fatto.

4. CANALI DI SEGNALAZIONE

La piattaforma consente di effettuare le Segnalazioni, con identità del segnalante riservata o completamente anonima:
– in forma scritta, attraverso il canale informatico dedicato;
– in forma orale, mediante registrazione vocale attraverso il canale informatico dedicato.
La piattaforma fornisce un codice alfanumerico con il quale al Segnalante potrà successivamente tenere traccia dello stato di lavorazione della Segnalazione e interagire con il Responsabile della Gestione delle Segnalazioni attraverso lo strumento di messaggistica interno alla Piattaforma.
Tramite la Piattaforma, potrà essere richiesto dal Segnalante un incontro diretto con il Responsabile della Gestione delle Segnalazioni.

Con la piattaforma messa a disposizione dall’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) all’indirizzo www.anticorruzione.it è possibile effettuare una Segnalazione cosiddetta esterna, solo in uno o più dei seguenti casi:
– la segnalazione effettuata dal segnalante tramite il canale di segnalazione interna non ha avuto seguito;
– il segnalante ha fondati motivi di ritenere che, se effettuasse una segnalazione interna, questa non avrebbe idoneo seguito o potrebbe determinare il rischio di ritorsione;
– il segnalante ha fondato motivo di ritenere che la violazione possa costituire un pericolo imminente o palese per il pubblico interesse.

5. LE TUTELE

Sono tutelati:
Le tutele di cui alla presente procedura si applicano:
– al Segnalante;
– al Facilitatore;
– alle persone dello stesso Contesto Lavorativo del Segnalante, incluso chi ha sporto una denuncia all’Autorità giudiziaria o contabile o ha effettuato una Divulgazione Pubblica e che sono legate a essi da uno stabile legame affettivo o di parentela entro il quarto grado;
– ai colleghi di lavoro del Segnalante, incluso chi ha sporto una denuncia all’Autorità giudiziaria o contabile o ha effettuato una Divulgazione Pubblica, che lavorano nello stesso Contesto Lavorativo e che hanno con detta persona un rapporto abituale e corrente;
– agli enti di proprietà del Segnalante, incluso chi ha sporto una denuncia all’Autorità giudiziaria o contabile o ha effettuato una Divulgazione Pubblica o per i quali le stesse persone lavorano, e agli enti che operano nello stesso Contesto Lavorativo di tali soggetti.
Le tutele operano a condizione che:
al momento della Segnalazione, il segnalante aveva fondato motivo di ritenere che le informazioni sulle violazioni fossero vere e rientrassero nell’ambito di applicazione del d.lgs. 24/2023 e fossero state comunicate con le modalità e nei termini previsti dallo stesso.

Daldoss Elevetronic S.p.A. tutela i sopra indicati soggetti contro ritorsioni, effettive o anche solo tentate o minacciate, intuendosi per ritorsione qualunque comportamento, anche omissivo, motivato anche in parte dalla Segnalazione atto a provocare, anche indirettamente, al soggetto tutelato un danno ingiusto o comunque un evento pregiudizievole.

La riservatezza del Segnalate garantita dalla normativa è protetta anche ai sensi della disciplina sulla protezione dei dati personali, come da specifica informativa sotto riportata. In proposito, si conferma che la procedura è stata preliminarmente vagliata tramite Data Protection Impact Assessment ai sensi dell’art. 35 del del Regolamento UE 2016/679 “GDPR”.

Clicca qui sotto per accedere nel sistema aziendale di  segnalazione illeciti “Our Whistleblowing”